Home /
Interpretazione dei tarocchi: il Giudizio
;

Interpretazione dei tarocchi: il Giudizio

Nell’interpretazione dei tarocchi il Giudizio ha una simbologia ben precisa che trova una perfetta adesione nell’immagine raffigurata. Infatti la figura dell’angelo che suona la tromba sta a significare la celebrazione di un nuovo inizio o di una nuova vita che aspettavamo da tempo.

Insomma siamo di fronte ad un cambiamento positivo che avrà il potere di rivoluzionare la nostra vita ma soprattutto di insegnarci a guardare tutto ciò che ci accade con maggior serenità e tranquillità. Quindi non siamo di fronte solo ad una nuova opportunità lavorativa o sentimentale, ma anche e soprattutto davanti ad un’occasione di vivere diversamente la quotidianità. Alla tromba dell’angelo è attaccata una bandiera che sta a significare il successo del nostro nuovo inizio. Questa carta instilla nell’individuo un sano ottimismo e una forte fiducia nelle proprie potenzialità dato che ci suggerisce la possibilità che nella nostra vita andremo incontro ad un momento propizio. Particolarmente interessante è la raffigurazione nella parte inferiore della carta dove si trovano invece uomini, donne e bambini che si alzano in piedi da quelle che sembrano essere delle tombe in mezzo all’acqua. Questa immagine contiene in sé un senso di rinascita e rigenerazione che sono strettamente collegati al concetto di nuovo inizio. Il Giudizio ci ha consentito di capire i nostri errori e di ripartire da zero per poter affrontare con maggior maturità la vita che ci resta. Il nuovo inizio spinge l’interlocutore a guardarsi all’indietro e dunque a capire quali sono gli sbagli che non vanno più commessi per evitare di trovarsi nella stessa situazione. Se troviamo la carta del Giudizio al rovescio significa che ci saranno delle sorprese veramente negative ed improvvise che avranno una cattiva influenza nella nostra vita, dato che esse ci impediranno di attuare quel cambiamento di cui abbiamo bisogno per progredire e ragion per cui il suo significato rafforza la nostra rassegnazione e frustrazione.

Fonte: http://smorfianapoletana.org/